Vola, vola, vola

5,00

Vola vola vola canto popolare dell’Abruzzo.

Demo: pdf midi

Descrizione

L’arrangiamento inizia con una breve introduzione di quattro battute che, come al solito, si può omettere.

pagina iniziale dell'arrangiamento

La sezione dei flauti soprano esegue la melodia principale in una tessitura comoda, tanto che non ho ritenuto necessario scrivere una seconda parte facile. È possibile, anche in relazione ai rapporti di sonorità che scaturiscono dall’insieme delle varie sezioni, affidare ad uno o due degli alunni più esperti il raddoppio della melodia principale all’ottava superiore. Ho indicato una seconda parte decorativa che sarà affidata ad un solista.
Il contralto segue in parallelo il soprano a distanza di terza o sesta con una melodia adatta anche come seconda voce in caso di esecuzione vocale.
Gli altri strumenti completano come al solito l’arrangiamento, fornendo la base armonico-ritmica. Le parti degli strumenti polifonici – chitarra e tastiera – sono scritte in modo da poter essere distribuite fra due esecutori nel caso si debba semplificare.

ritornello

La prima battuta del ritornello inizia con una nota con punto coronato, sulla quale ho posto un trillo della durata di due movimenti.

Vola, vola, vola

Vulesse fa’ ‘rvenì pe’ n’ora sole
lu tempe belle de la cuntentezze,
quande pazzijavame a “vola vola”
e te cupre’ de vasce e de carezze.

E vola vola vola vola
e vola lu pavone;
si tiè lu core bbone
mo fammece arpruva’.

‘Na vote pe’ spegna’ lu fazzulette,
so’ state cundannate de vasciarte.
Tu te scì fatte rosce e me scì ditte
di ‘nginucchiarme prima e d’abbracciarte.

E vola vola vola vola
e vola lu gallinacce;
mo si ti guarde ‘n facce
mi pare di sugna’.

Come li fiure nasce a primavere,
l’amore nasce da la citilanze.
Marì, si mi vuò bbene accome jere,
nè mi luvà stu sogne e sta speranze.

E vola vola vola vola
e vola lu cardille;
nu vasce a pizzichille
nè mi le può nega’…

‘Na vota ‘r’na pupuccia capricciosa,
purtive trecci appese e lu fruntine;
mo ti si fatte serie e vruvignose,
ma ss’ucchie me turmente e me trascine.

E vola vola vola vola
vola la ciaramelle;
pe’ ‘n’ore cuscì belle
vulesse sprufunna’.

(versione ritmica italiana)

Vorrei far ritornar per un’ora sola
il tempo bello della contentezza,
quando noi giocavamo a “vola vola”
e ti coprivo di baci e di carezze.

E vola vola vola vola
e vola il pavone;
se hai il cuore buono
su fammi riprovar.

Un dì per liberare il fazzoletto,
sono stato condannato a baciarti.
Tu ti sei fatta rossa e mi hai detto
d’inginocchiarmi prima e d’abbracciarti.

E vola vola vola vola
vola il gallinaccio;
or se ti guardo in faccia
mi pare di sognare.

Come i fiori nascono a primavera,
l’amore nasce dalla fanciullezza.
Maria, se mi vuoi bene come ieri,
lasciami questo sogno e questa speranza.

E vola vola vola vola
e vola il cardellino;
un bacio a pizzicotti
non me lo puoi negar…

Io ti ricordo bimba capricciosa,
con le tue trecce appese e il frontino;
or ti sei fatta seria e vergognosa,
degli occhi tuoi il fascino ancor io sento.

E vola vola vola vola
la ciaramella vola;
per un’ora così bella
vorrei sprofondar.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Vola, vola, vola”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *