Reginella

5,00

Reginella canzone napoletana parole di Libero Bovio su un valzer di Gaetano Lama.

Demo: pdf midi

Descrizione

Pubblicata nel 1917, fu scritta da Libero Bovio su un valzer di Gaetano Lama. È la storia di un uomo che incontra dopo molto tempo la sua amata e la trova diversa da come l’ha conosciuta al momento del loro amore.

pagina iniziale dell'arrangiamento

La tonalità è DO maggiore e la difficoltà rimane ad un livello medio, più che altro per la velocità di esecuzione, dal momento che non vi sono particolari combinazioni di note difficili .
L’arrangiamento inizia con una introduzione che anticipa il tema del ritornello. Alla battuta 9 inizia la base armonico-ritmica, sulla quale si eleva poco più avanti la melodia della strofa, affidata al flauto soprano. Il flauto soprano 2 ha una parte facilitata. Flauto contralto, tenore e basso si alternano un accompagnamento con ritmo di crome che esprime la leggerezza e la scioltezza di questo valzer vagamente nostalgico.

inizio del ritornelloinizio del ritornello

Vediamo qui l’inizio del ritornello, eseguito sempre dal flauto soprano 1.

Reginella
Te si’ fatta ‘na veste scullata,
nu cappiello cu ‘e nastre e cu ‘e rrose…
Stive ‘mmiezo a tre o quattro sciantose,
e parlave francese… è accussì€

Fuje l’autriere ca t’aggio ‘ncuntrata€
Fuje l’autriere, a Tuleto, gnorsì…

T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me!

Reginè, quanno stive cu mmico
non magnave ca pane e cerase,
nuie campavamo ‘e vase! E che vase,
tu cantave e chiagnive pe’ me…

E ‘o cardillo cantava cu ttico:
“Reginella ‘o vuo’ bene a ‘stu rre”.

T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me!

Oj cardillo, a chi aspiette stasera€
Nun ‘o vide€ aggio aperta ‘a cajola,
Reginella è vulata, e tu vola!
Vola e canta, nun chiagnere ccà!

t’he’ ‘à truva’ ‘na patrona sincera
ca è cchiù degna ‘e sentirte ‘e cantà.

T’aggio vuluto bene a te…
Tu m’è vuluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo cchiù,
ma ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me!

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Reginella”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *