La leggenda del Piave

5,50

La leggenda del Piave di E. A. Mario.

Demo: pdf midi

Descrizione

E. A. Mario è l’autore sia del testo che della musica di questo inno che contribuì alla riscossa delle truppe italiane durante la prima guerra mondiale. La storia di questo curioso pseudonimo e altre notizie sull’autore si possono leggere qui

pagina iniziale dell'arrangiamento

Il canto è caratterizzato dai tipici ritmi marziali, la croma puntata seguita dalla semicroma e la cellula di croma con due semicrome. Il tema è affidato al flauto soprano 1, gli altri strumenti hanno un ruolo perlopiù di carattere armonico e ritmico, raramente compare un accenno a melodie secondarie.

La leggenda del Piave

1. Il Piave mormorava calmo e placido al passaggio
dei primi fanti il ventiquattro maggio;
l’esercito marciava per raggiunger la frontiera
per far contro il nemico una barriera!
Muti passaron quella notte i fanti,
tacere bisognava andare avanti.
S’udiva intanto dalle amate sponde
sommesso e lieve il tripudiar de l’onde.
Era un presagio dolce e lusinghiero.
il Piave mormorò: Non passa lo straniero!
2. Ma in una notte triste si parlò di un fosco evento
e il Piave udiva l’ira e lo sgomento.
Ahi, quanta gente ha visto venir giù, lasciare il tetto,
poiché il nemico irruppe a Caporetto.
Profughi ovunque dai lontani monti,
venivano a gremir tutti i suoi ponti.
S’udiva allor dalle violate sponde
sommesso e triste il mormorio de l’onde.
Come un singhiozzo in quell’autunno nero
il Piave mormorò: Ritorna lo straniero!

3. E ritornò il nemico per l’orgoglio e per la fame
volea sfogare tutte le sue brame,
vedeva il piano aprico di lassù: voleva ancora
sfamarsi e tripudiare come allora!
No, disse il Piave, no, dissero i fanti,
mai più il nemico faccia un passo avanti!
Si vide il Piave rigonfiar le sponde
e come i fanti combattevan l’onde.
Rosso del sangue del nemico altero,
il Piave comandò: Indietro va, o straniero!

4. Indietreggiò il nemico fino a Trieste fino a Trento
e la Vittoria sciolse l’ali al vento!
Fu sacro il patto antico, tra le schiere furon visti
risorgere Oberdan, Sauro e Battisti!
Infranse alfin l’italico valore
le forche e l’armi dell’Impiccatore!
Sicure l’Alpi, libere le sponde,
e tacque il Piave, si placaron l’onde.
Sul patrio suolo vinti i torvi Imperi,
la Pace non trovò né oppressi, né stranieri!

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La leggenda del Piave”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *