Era de maggio

5,50

Era de maggio è una canzone in lingua napoletana, versi di Salvatore Di Giacomo, musica di Mario Pasquale Costa.

Demo: pdf mp3

Descrizione

Era de maggio è una canzone in lingua napoletana, basata sui versi di una poesia del 1885 di Salvatore Di Giacomo e messa in musica da Mario Pasquale Costa. Il linguaggio è quello parlato dal popolo a fine 800. Approfondisci qui.
La partitura è proposta in tre versioni: pagina verticale con una accollatura (PV1); pagina verticale con due accollature (PV2); pagina orizzontale con una accollatura (PO1).

Era de maggio e te cadeano nzino
a schiocche a schiocche li ccerase rosse,
fresca era ll’aria e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciente passe.
Era de maggio; io, no, nun me ne scordo,
na canzona cantàvemo a doie voce;
cchiù tiempo passa e cchiù me n’allicordo,
fresca era ll’aria e la canzona doce.
E diceva: «Core, core!
core mio, luntano vaie
tu me lasse e io conto ll’ore,
chi sa quanno turnarraie!»
Rispunneva io: «Turnarraggio
quanno tornano li rrose,
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stonco ccà».
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stonco ccà».

E so’ turnato, e mo, comm’a na vota,
cantammo nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma ammore vero, no, nun vota vico.
De te, bellezza mia, m’annammuraie,
si t’allicuorde, nnanze a la funtana:
ll’acqua llà dinto nun se secca maie,
e ferita d’ammore nun se sana.
Nun se sana; ca sanata
si se fosse, gioia mia,
mmiezo a st’aria mbarzamata
a guardarte io nu’ starria!
E te dico: «Core, core!
core mio, turnato io so’
torna a maggio e torna ammore,
fa de me chello che buo’!
Torna a maggio e torna ammore,
fa de me chello che buo’!».

Era maggio e ti cadevano in grembo,
numerosi grappoli di ciliegie rosse….
Fresca era l’aria…. e l’intero giardino
profumava di rosa intensamente…..
Era maggio, io no, non posso dimenticarlo,
cantavamo una canzone a due voci ….. più
passa il tempo e più me lo ricordo,
fresca era l’aria e dolce la canzone…..
Ella diceva: “Cuore, cuore!
Cuore mio, te ne vai lontano,
tu mi lasci, io conteggio le ore….
Chissà quando ritornerai!”
Ed io rispondevo: “Tornerò
quando ritorneranno le rose….
Se questo fiore ritorna a maggio,
anche io a maggio sono qua……
Se questo fiore ritorna a maggio,
anche io a maggio sarò qua……

E son ritornato ed ora, come allora,
cantiamo insieme quel motivo antico;
Il tempo passa ed tutto intorno cambia,
ma il vero amore no, non cambia strada….
Di te, bellezza mia, m’innamorai,
se te lo ricordi, davanti alla fontana:
l’acqua, nella fontana, non finisce mai,
e la ferita d’amore non guarisce…..
Non guarisce: che se guarita,
se fosse guarita, mia gioia,
in quest’aria profumata
io non starei a guardarti!
E ti dico: “Cuore, cuore!
Cuore mio, io son tornato…
ritorna maggio e ritorna l’amore:
fa di me quello che vuoi!
Ritorna maggio e ritorna l’amore:
fa di me quello che vuoi!

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Era de maggio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *