Adagio in Re minore

5,00

Il Concerto in re minore per oboe e orchestra fu scritto da Alessandro Marcello nel 1716. J.S.Bach ne realizzò una trascrizione (BWV 974).

Demo: pdf midi

Descrizione

Il Concerto in re minore per oboe e orchestra fu scritto da Alessandro Marcello nel 1716. J.S.Bach ne realizzò una trascrizione (BWV 974) che testimonia la fama di cui godette questa composizione. Il secondo movimento, qui presentato, per il suo carattere dolce e malinconico, è stato inserito nella colonna sonora di molti film (per es. Anonimo veneziano).

pagina iniziale dell'arrangiamento Adagio in re minore di A. Marcellopagina iniziale dell’arrangiamento

Trattandosi di un concerto solista, esiste una grande diversità nella difficoltà di esecuzione del flauto soprano solo rispetto alle parti di accompagnamento. Il solista ha una parte molto difficile ed impegnativa, gli altri strumenti ne affrontano una facile.
In questo arrangiamento per orchestra scolastica, il ruolo del solista può essere assegnato sia ad un flauto soprano, sia ad una tastiera con il timbro di oboe, a seconda delle potenzialità presenti in classe. La chitarra ha una parte sdoppiabile fra due esecutori o gruppi distinti: un gruppo eseguirà le singole crome ripetute; l’altro realizzerà gli arpeggi. Alle battute 28 e 29 si trova un particolare procedimento di scrittura detta emiolia, in cui troviamo tre battute da due quarti mimetizzate in due battute da tre quarti. La parte della chitarra con i suoi arpeggi evidenzia detto procedimento. Poco più avanti, alle battute 31 – 32 e 33 – 34, possiamo osservare una doppia emiolia.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Adagio in Re minore”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *