Mussorgski: Il vecchio castello

М._P._Мusorgskij_1865

“Il vecchio castello” porta il n.2 all’interno della raccolta “Quadri di un’esposizione”, di Modest P. Mussorgski, anche se, considerando le due Promenade, è il quarto brano. Nel 1874, per onorare la memoria dell’amico architetto e pittore Viktor Hartmann morto l’anno precedente, Mussorgski compone “Quadri di un’esposizione“, un’opera per pianoforte ispirata ad una serie di opere dell’amico esposte a Pietroburgo. Nella composizione si alternano pagine descrittive, che rappresentano i quadri, a episodi che indicano lo spostamento del visitatore da un quadro all’altro, intitolati Promenade, che appare in cinque versioni diverse.
Il vecchio castello Andante – Un trovatore intona il suo canto desolato ai piedi di un castello medioevale. La presenza costante di una nota di pedale, la ripetitività incantatoria delle figure ritmiche e melodiche, l’uniformità espressiva danno alla musica una dimensione onirica, sfumata e distante. (Per approfondire)Il vecchio castello trascrizione Musicamedia pagina 1

La trascrizione Musicamedia de “Il vecchio castello”, dai “Quadri di un’esposizione” di Musorgski, modifica la tonalità da SOL# a LA minore. Nel quintetto di flauti, al basso tocca il compito di realizzare l’ossessivo pedale di tonica, salvo rari scambi con il tenore dovuti a questioni di estensione melodica. Il tenore ha la parte di controcanto che introduce ed interloquisce con il tema principale. Il quale tema è appannaggio di contralto e soprano 1, sia in alternanza che in 8va, in ottemperanza all’originale scrittura pianistica dell’Autore. Il soprano 2 completa l’armonia, talvolta anche sdoppiandosi.
Chitarra e basso elettrico eseguono il controcanto e il pedale di tonica, la tastiera esegue il tema principale e il pedale di tonica. Le piccole percussioni intervengono con grande delicatezza per arricchire il timbro.
Data la lunghezza del brano, è possibile tagliare da batt. 51 a 95 (eseguire 50 poi 96), come indicato dai segni O ed S.
La partitura è proposta in tre versioni: pagina verticale con una (PARTITURA V1) o due accollature (PARTITURA V2); pagina orizzontale con una accollatura (PARTITURA O1).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *